Author Archives: Andrea

  • 0

Bando iscrizioni 2016 – Nuova edizione!

Category : Il festival

logo

Sono aperte le iscrizioni per l’edizione 2016 del festival Firenze RiVista, che si terrà nel capoluogo toscano il 23, 24 e 25 settembre alla Galleria delle Carozze, in Palazzo Medici Riccardi. Un festival dedicato alle riviste del panorama fiorentino e toscano che, dopo il buon riscontro dell’edizione 2015, a cui hanno partecipato ben undici realtà – 404: file non found, A few words, Con.tempo, L’Eco del Nulla, Florence is You, FUL, The Florentine, Lungarno, Riot Van, Three Faces e Toc Toc Firenze -, ritorna con una nuova edizione a tema Futuro: un’edizione ricca di incontri, workshop, proiezioni, concerti, eventi e ospiti importanti con cui discuteremo i nuovi fenomeni culturali e editoriali. Un nutrito calendario che presto troverete sul sito, insieme alla location definitiva di quest’anno, sempre nel centro storico di Firenze, per un festival itinerante che come da tradizione cerca di toccare più punti possibili della città.
Firenze RiVista è aperta alla partecipazione di riviste, cartacee e online, fanzine e blog che si occupino di informazione, cultura, letteratura, questioni sociali, cinema e altri media attive nell’area fiorentina e/o toscana. A ogni partecipante verrà garantito uno spazio espositivo del quale disporre liberamente e uno stand dove potrà lavorare a stretto contatto con le altre riviste partecipanti al festival. Inviate le vostre domande a info@firenzerivista.it

Leggi qui il Regolamento Firenze RiVista 2016.
Scarica qui il Modulo di iscrizione Firenze RiVista 2016
.

Affrettatevi, le iscrizioni chiudono il 1° settembre

Firenze RiVista aspetta anche voi!

Per qualunque informazione scrivere a info@firenzerivista.it
o chiamare il 3348268173


  • 0
Il cortile di Firenze RiVista

Si chiude la prima edizione di Firenze RiVista

Category : Il festival

La prima edizione di Firenze RiVista si è conclusa la sera del 26 settembre. Sono stati giorni belli, intensi e, certo, anche faticosi. È presto, forse, per fare un bilancio, ma ci piacerebbe condividere qualche pensiero ‘a caldo’. Nei prossimi giorni continueremo a postare le foto e i video degli eventi, ma vogliamo provare a fermarci un attimo, prima di ripartire.

Firenze RiVista voleva innanzitutto creare una rete fra i partecipanti, dare visibilità, creare uno spazio dove potessero nascere idee e collaborazioni. Crediamo che sia successo proprio questo: nuovi contatti, nuove idee e, non meno importante, nuove amicizie. Firenze Rivista voleva incuriosire, mettere in mostra riviste grandi e piccole, appena nate o già ben affermate, discutere di cultura, di che cosa vuol dire fare un rivista oggi. Abbiamo fatto tanti incontri e abbiamo coinvolto persone diverse: dai giovanissimi redattori dei giornalini delle superiori a intellettuali e scrittori di rilievo come Christian Raimo, Marco Vichi, i componenti di Firenze Delle Letterature, il collettivo cinematografico John Snellinberg, passando per realtà meno note come le riviste carcerarie o il nuovo cinema toscano.

Ci siamo riusciti con i nostri scarsissimi mezzi, anche finanziari. Dobbiamo ringraziare chi ha creduto nel progetto e ci ha sostenuto offrendo i propri spazi, il tempo o solo le proprie idee. Fra i tanti: ZAP, La Cité, il Caffè Letterario delle Murate. Questa era un’edizione zero, con tutti i difetti della giovane età. Ma ci auguriamo che l’anno prossimo – perché senz’altro ci sarà una nuova edizione – riusciremo a coinvolgere ancora più persone, più riviste, più ospiti. Se c’è una costante in Firenze RiVista è questa: l’apertura, la trasparenza, l’idea che stare insieme è meglio di farsi la guerra. E il work in progress. Nel frattempo andiamo avanti, progettando i nuovi incontri e mantenendo saldi i rapporti tra le riviste che hanno partecipato. Chi volesse partecipare alle prossime edizioni, sostenerci, darci nuove idee, ci scriva: info@firenzerivista.it.

Non è mai troppo presto per iniziare a sognare la prossima edizione. Ma per adesso, ancora una volta, grazie a tutti coloro che ci hanno dimostrato attenzione e interesse. Come si dice: non è finita qui!


  • 0
tegelaars_quadro

Aperte le iscrizioni al workshop di collage!

Category : Il festival

Sono aperte le iscrizioni al workshop di collages che l’artista fiorentino Jonathan Tegelaars terrà sabato 26 settembre dalle ore 15.00 negli spazi di ZAP in Vicolo Santa Maria Maggiore 1, in centro a Firenze.
I partecipanti dovranno portare gli strumenti da casa, ovvero due tubetti di colla e forbici. Inoltre sono invitati a portare materiali propri che intendono usare durante il workshop. Ovviamente questi saranno da integrare con il materiale che l’artista fiorentino avrà con sé. I migliori lavori dei partecipanti saranno esposti nello spazio mostre di ZAP per la durata del festival.
Bisogno di un po’ di preparazione? Date un occhio ai suoi lavori: jonathantegelaars.tumblr.com

Per prenotazioni inviare una mail a info@firenzerivista.it: i posti disponibili sono 15. Affrettatevi!tegelaars_quadro


  • 0

Di cosa parliamo quando parliamo di blog letterari

Category : Riviste

Colage Blog Letterari

Dopo le recenti dichiarazioni di Umberto Eco sulla rete e i cretini che ci stanno dentro, a molti è sembrato doveroso fare dei distinguo: c’è rete e rete, ci sono cretini e cretini. Allora facciamo un distinguo anche noi: i cretini che piacciono a noi sono quelli che – spesso e volentieri senza ricavarci un centesimo – decidono di perdere tempo a produrre contenuti dentro il mondo dell’internet: contenuti, possibilmente, che abbiano un certo spessore, che non si fermino soltanto alla critica superficiale.

Non stiamo parlando di una novità: i primi ‘blog’ letterari sono nati (fermatevi un attimo a pensare a quanti anni sono passati) nei primissimi anni zero, dopo le torri gemelle e il trauma che ne è venuto fuori. Non è una boutade, non è la cara vecchia distinzione tra apocalittici e integrati (facciamo un blog per reagire, svegliaaa!!1 VS ormai siamo tutti condannati), è la pura verità. I primi importantissimi siti letterari in Italia sono nati dall’esigenza di reagire allo shock. Stiamo parlando di Nazione Indiana e Il Primo Amore, i grandi vecchietti del web culturale.

Cosa distingue questi due siti dai numerosi, e già esistenti, forum, siti di recensioni di libri a pagamento, siti più o meno specializzati in un genere o in un altro? Una parola che a usarla fa quasi impressione, e che è “militanza”. Nazione Indiana, Il Primo Amore, e a seguire Carmilla, sono portali a fortissimo tasso militante. Questo non vuol dire che i loro fondatori vanno in giro a mangiare bambini, e magari le loro ideologie non sono nemmeno poi così omogenee. Vuol dire però che tutti loro hanno cercato, e continuano a cercare, il nuovo – l’emergente: cercano di provocare una reazione. Né apocalittici né integrati: sulfurei forse.

Ai “nonni” del web culturale ha fatto seguito, una decina di anni dopo – intermezzata da vari tentativi più o meno di successo, una generazione più riflessiva, ma non per questo meno combattiva. Nascono Minima & Moralia, Doppiozero, Lavoro Culturale, Le Parole E Le Cose: siti dall’impostazione meno caustica, ma animati dalla stessa volontà di ricerca, denuncia, esplorazione del presente.

Anche questa vena forse è ormai in fase di esaurimento? Si va avanti sempre più veloce, e forse l’impostazione del web-magazine, o blog che dir si voglia, è usurata e la comunicazione avverrà in un modo differente: certo è che le riviste di nuova generazione (si pensi all’emergente prismomag, “rivista di cultura più o meno pop”, o al più vecchio – ma all’apice da pochi anni – Vice) hanno qualcosa di ancora nuovo e diverso, che ancora è difficile da codificare, ma che somiglia molto alla capacità millennial di assorbire, e riflettere, ironicamente ma con serietà, tutti i differenti aspetti della vita contemporanea: dai marò al Nintendo passando per le ricognizioni della nuova letteratura.

Se volete approfondire: si consiglia di confrontare un vecchio testo di Francesco Guglieri e Michele Sisto, su Nazione Indiana www.nazioneindiana.com/2011/03/24/verifica-dei-poteri-2-0, con la nuovissima analisi ad opera di Raffaele Alberto Ventura (A.K.A. Eschaton) e Valerio Mattioli, su minima&moralia www.minimaetmoralia.it/wp/un-casino-immenso.

Silvia Costantino, 404: file not found


  • 0
IMG_9665

Firenze RiVista apre i battenti!

Category : Senza categoria

FIRENZERIVISTA è al via! Ecco le fotografie della conferenza stampa di stamattina a Palazzo Vecchio, dove Carlo Benedetti di con.tempo, Silvia Costantino di 404: file not found e Andrea Caciagli de L’Eco del Nulla hanno presentato la prima edizione del festival alla città, assieme al presidente del consigli comunale Caterina Biti.

IMG_9664  IMG_9669

IMG_9675

IMG_9686

Fotografie a cura di Toc Toc Firenze, ©Claude Madueño Ferrer


  • 0

I luoghi del festival

Category : Il festival

Dal 23 al 25 Settembre a Firenze

9.30-19.30 Salone delle Carrozze in Palazzo Medici Riccardi, ingresso Via Cavour 5

thumb_dsc_0168_1024

 

19.30-22.00 Forte Belvedere, via di San Leonardo 1

belvedere

 

Sabato 24 dalle ore 22.00 Light – Il giardino di marte, viale Manfredo Fanti 5

light-campodimarte-1433847539